I 10 posti più belli della Sicilia: una vacanza tra luoghi semplicemente imperdibili

Una vacanza di dieci giorni. Altrettante tappe attraverso gli scorci più suggestivi che quest’isola possa offrire ai suoi visitatori. Partendo da Messina, dirigendosi verso sud e muovendosi lungo la costa dell’antica Trinacria. Per visitare quelli che possono essere considerati i dieci posti più belli della Sicilia.

 

1. Taormina

Anche chiamata “la perla del Mediterraneo”. È un piccolo borgo che sorge alle pendici della montagna, a picco sul mare. Da qui è possibile vedere da un lato l’Etna e dall’altro Giardini-Naxos. I luoghi più belli sono il teatro greco e la spiaggia di Isola Bella. Ed è possibile visitare Taormina in un solo giorno.

 

2. Etna

Il vulcano attivo più grande d’Europa. Sono diverse le escursioni che è possibile effettuare lungo le sue pendici, e si può godere di uno splendido panorama, immersi in una natura selvaggia. È il simbolo dell’isola, quindi a pieno titolo tra i posti più belli della Sicilia.

 

3. Ortigia

Si trova su una piccola isoletta a pochi metri dalla terraferma, collegata da tre ponti. Ortigia, il centro storico di Siracusa, è un autentico museo a cielo aperto. Di cui bisogna vedere almeno piazza Duomo, ovvero l’acropoli dell’antica città greca.

 

4. Ragusa Ibla

Uno dei luoghi di Montalbano, dove è stata girata la celebre serie televisiva con protagonista il commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Un dedalo di chiese, viuzze, piazzette, palazzi nobiliari e scalinate dove domina lo stile barocco. Un luogo dove perdere la cognizione del tempo. Non a caso, stiamo anche parlando di una delle città più belle della Sicilia.

 

5. Valle dei Templi

Ad Agrigento si trova un altro dei luoghi simbolo della Sicilia. Una delle aree archeologiche più belle al mondo, dove sembrerà di trovarsi catapultati indietro nel tempo e nello spazio, fino all’antica Atene. Nella Valle dei Templi si cammina tra templi greci perfettamente conservati che sorgono tra ulivi e mandorli.

 

6. Favignana

La maggiore delle isole Egadi. Le spiagge di Favignana sono rinomate e conosciute in tutto il mondo. In particolare bisognerebbe ammirare Cala Rossa, dal colore delle acque unico, e dai fondali caratterizzati dalla presenza di rocce di tufo, considerata una delle dieci spiagge più belle della Sicilia. Concedersi un’immersione è d’obbligo.

 

7. Erice

In provincia di Trapani. Una piccola città costruita interamente in pietra, e ancora oggi è possibile respirarne tutta l’atmosfera medievale. Eretta su una montagna da cui si può godere della vista del mare, nell’architettura della cittadina si possono riscontare influenze fenicie, normanne e romane.

 

8. Segesta

Ancora in provincia di Trapani. Un’antica città, non più abitata, fondata dal popolo degli Elimi. Sorge sulla cima del monte Barbaro. E di particolare interesse sono il tempio dorico e il teatro, quest’ultimo in parte scavato nella roccia della collina.

 

9. Cappella Palatina

Una delle tappe di qualsiasi itinerario per visitare Palermo in un giorno. Si trova all’interno del Palazzo dei Normanni, ed è una basilica a tre navate, dedicata ai santi Pietro e Paolo. Un gioiello architettonico nei toni del bronzo e dell’oro.

 

10. Milazzo

Si ritorna in provincia di Messina, punto di partenza di questo viaggio alla scoperta dei luoghi più belli della Sicilia. Da vedere a Milazzo ci sono il borgo antico, la Grotta di Polifemo, le spiagge, il castello di Federico II. Da qui, inoltre, è possibile partire per scoprire le isole Eolie, che si trovano a poca distanza.

 

Queste le tappe dell’itinerario per vedere i dieci posti più belli della Sicilia, uno per ognuno dei giorni della vostra vacanza. E adesso, prima di partire, vi resta solo una cosa fare: prenotare in tempo il viaggio in traghetto.

 

Immagini:
Flickr.com/photos/anams
Flickr.com/photos/39941267@N05
Flickr.com/photos/100419103@N02
Flickr.com/photos/stijnnieuwendijk
Flickr.com/photos/travelationship
Flickr.com/photos/gafreax
Flickr.com/photos/pedro_hernandez
Flickr.com/photos/atrogu
Flickr.com/photos/luca_volpi