Le spiagge di Acitrezza: da Catania ad Acireale

Aci Trezza spiaggePotrebbero essere una tappa aggiuntiva di un tour della Sicilia orientale. Oppure la località in questione potrebbe essere la meta unica di una vacanza all’insegna del relax. Godendosi il sole e il mare comodamente sdraiati su una delle tante spiagge di Acitrezza.

 

Spiaggia di Acitrezza

Si comincia con la spiaggia cittadina di questa frazione del comune di Aci Castello. Quella di Acitrezza è una spiaggia di origine vulcanica formata da grosse pietre nere. Il mare è limpido e cristallino. E il panorama è impreziosito dalla presenza dei Faraglioni dei Ciclopi.

Tanto i Faraglioni dei Ciclopi quanto la spiaggia di Acitrezza rientrano entrambi all’interno della Riserva naturale integrale isola Lachea e Faraglioni dei Ciclopi, i cui fondali sono particolarmente ricchi di vita marina. In altre parole Acitrezza sarebbe consigliata anche per le immersioni a Catania.

Questa la spiaggia cittadina. Chi invece fosse disposto ad allontanarsi un po’ da Acitrezza (restando sempre nelle vicinanze) potrebbe spostarsi a nord, verso Acireale, o a sud, verso Catania.

 

Catania

La città Etnea si trova a circa quindici chilometri di distanza, quindi le spiagge di Catania sono facilmente raggiungibili: una mezz’oretta di auto al massimo e potrete vedere la spiaggia La Playa di Catania, Praiola, foce Simeto, San Marco, Spiaggia del Mulino.

 

Acireale

Dista da Acitrezza meno di dieci chilometri. Perciò basteranno una decina di minuti di auto per ritrovarsi sulle spiagge più belle di Acireale: Santa Maria La Scala, quasi interamente di sassi e come protetta da scogli; Santa Tecla, sulla Riviera dei Limoni, piccola, con scogli, e con un mare dal colore blu intenso; Stazzo, caratteristica per la presenza di scogliere nere intervallate da calette quasi tutte molto piccole; Pozzillo, il cui nome significa “piccola punta” o “piccolo capo”.

 

Queste le spiagge di Acitrezza. Per chi non volesse precludersi la possibilità di vedere anche quelle di Catania e Acireale, il consiglio è di imbarcare un’auto o una moto sul traghetto così da potersi muovere in completa autonomia.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/gnuckx

Articoli correlati