La Catania barocca: un itinerario di 10 tappe per scoprire un gioiello della Sicilia

Catania barocca

La Catania barocca, ancora oggi, conserva alcune delle più preziose testimonianze architettoniche di questo stile. Palazzi, chiese, cattedrali, ville. Ora si nascondono tra viuzze piccole e strette, ora emergono in tutta la loro bellezza al centro di vaste piazze. Capolavori tutti da vedere. Seguendo questo itinerario in dieci tappe.

 

Il barocco siciliano

Catania è uno dei più alti esempi di barocco siciliano. In Sicilia, non si limitarono a “copiare” lo stile. Architetti e artisti ne diedero una propria interpretazione, che lo rese unico: il barocco siciliano è particolare perché di distingue per il decorativismo a tratti estremo e per le colorazioni molto accese. Elementi che sono riscontrabili in autentici capolavori architettonici.

 

L’itinerario

  1. Cattedrale di Sant’Agata. Si trova in piazza Duomo, e infatti è anche conosciuta come il Duomo di Catania. È il principale edificio religioso della città. I tre ordini delle colonne in stile attico e corinzio della facciata, il portone principale con le sue trentadue formelle scolpite, le statue di San Pietro e Paolo ai lati dell’ingresso sono gli elementi principali dell’esterno. L’interno è vasto e grandioso, con pianta a croce latina, diviso in tre navate. Non è un caso se stiamo parlando di uno dei più bei posti di Catania.
  2. Badia di Sant’Agata. Si trova esattamente di fronte al prospetto nord della cattedrale. Il prospetto della badia di Sant’Agata è modellato in modo da dare l’impressione di essere un morbido telo appena increspato dal vento. L’edificio oggi visitabile è stato eretto sulle rovine della chiesa e del convento dedicati sempre a Sant’Agata.
  3. Fontana dell’Elefante. Così chiamata per l’elefante in basalto nero che spicca nel corpo della fontana, chiamato comunemente u Liotru. La fontana dell’Elefante è diventata, a tutti gli effetti, il simbolo dell’intera città di Catania e una delle più alte testimonianze dell’arte barocca.
  4. Fontana dell’Amenano. Si trova a poca distanza da u Liotru. La fontana fu costruita nel 1867. La giovane che mantiene in alto la cornucopia rappresenta il fiume Amenano.
  5. Chiesa di San Benedetto. Dedicata a San Benedetto da Norcia, sono soprattutto due gli elementi architettonici e decorativi che stupiscono il visitatore: lo scalone marmoreo che si trova all’ingresso, arricchito dalle statue di alcuni angeli; gli spettacolari affreschi che decorano gli interni della chiesa.
  6. Palazzo degli elefanti. Anche questo edificio sorge in piazza del Duomo, per la precisione sul lato nord. Nella sua facciata, tipicamente barocca, spiccano gli elefanti che decorano i frontoni dei balconi; elefanti che richiamano lo stemma della città di Catania.
  7. Palazzo Biscari. Questo edificio, al cui interno sono anche riscontrabili alcuni elementi tipicamente rococò (principalmente il “salone delle feste”), è caratteristico per la complessa decorazione dei suoi interni.
  8. Palazzo del Toscano. Edificato intorno al 1870, ha nei decori, nell’arredo delle sale di rappresentanza, nei rivestimenti marmorei e negli affreschi, e infine nello scalone d’onore i suoi elementi più grandiosi.
  9. Piazza Dante. Qui, l’architettura barocca si è espressa in due stupende costruzioni: il primo è il grande complesso architettonico del contento dei Benedettini; il secondo è la chiesa di San Nicolò l’Arena, che, secondo molti, è la più grande chiesa barocca della Sicilia.
  10. Chiesa di San Biagio. Anche chiesa di Sant’Agata alla Fornace (in quanto questo è il luogo dove Sant’Agata fu messa sui carboni ardenti), questo esempio di architettura barocca è arricchito da un altro elemento: si affaccia sui resti di un antico anfiteatro romano.

 

Ecco quali sono i luoghi da scoprire della Catania barocca, le testimonianze principali, i monumenti da non lasciarsi scappare prima di ripartire. E per poter ammirare l’anima baroccheggiante di questa città in tutta la sua bellezza, non resta che prenotare un traghetto per la Sicilia.

 

Fonte immagine: flickr.com/photos/27086904@N03

Articoli correlati