Catania, viaggio alla scoperta della città medievale

Catania medievaleUna città dalle tante anime: antica, barocca, rinascimentale. Come se la sua lunga storia si fosse sedimentata in strati successivi. E il vostro viaggio potrebbe diventare un’occasione per vedere le bellezze della Catania medievale.

A cominciare dalla cappella Bonajuto, un edificio bizantino eretto tra il VI e il IX secolo a.C. Per la precisione si tratta di una “trichora”, un edificio realizzato con tre absidi, e il nome deriva da quello della famiglia bizantina che lo aveva tenuto come sacrario e come cappella privata.

Anche la cultura normanna ha lasciato le sue tracce nella città di Catania e nelle immediate vicinanze. Nell’omonimo comune si può visitare il castello di Aci: la fortificazione sorge su un promontorio di roccia lavica a picco sul mare, e il fulcro del maniero è la fortificazione quadrangolare conosciuta con il nome di donjon.

Tornando a Catania ci si dovrebbe poi recare alla cattedrale di Sant’Agata, una delle cose da vedere in un giorno: gli absidi del duomo sono di origine medievale; inoltre la cattedrale conserva ancora la vera, il busto-reliquiario e la cassa-reliquiario di Sant’Agata.

Ci si sposta adesso al periodo svevo. È a questi secoli che risale il portale della chiesa di Sant’Agata al Carcere, così detta perché eretta sui resti del bastione del Santo Carcere. Ed è sempre al periodo svevo che risale il celebre castello Ursino, fondato da Federico II di Svevia nel XIII secolo, a pianta squadrata con quattro imponenti torri circolari agli angoli.

Infine, al periodo aragonese risalgono il portale della chiesa di San Giovanni de’ Fleres (oggi scomparsa) e il balcone di palazzo Platamone.

Monumenti che disegnano un itinerario ideale attraverso la Catania medievale. E per ripercorrere questa parte della storia della città basta prenotare il proprio traghetto e partire alla volta di Catania.

 

Fonte immagine: flickr.com/photos/dullhunk