Dove andare al mare a Palermo: 3 golfi dove trovare delle splendide spiagge

dove andare al mare a Palermo

Vi trovare in vacanza nel capoluogo siciliano e (giustamente) vorreste ammirarne anche le spiagge. Del resto una vacanza è completa solo se ci si può sdraiare comodamente su una lunga distesa di sabbia, preferibilmente in uno scenario da cartolina. In altre parole vi state chiedendo dove andare al mare a Palermo.

Sia che vogliate restare nei pressi della città, sia che invece siate disposti a spostarvi un po’, sappiate che la zona costiera del capoluogo siciliano è caratterizzata da tre golfi: Carini, Palermo e Termini Imerese. Se cercate dove andare al mare a Palermo, potete scegliere tra queste tre possibilità, e qualunque sarà la decisione non ne resterete per niente delusi.

 

Le spiagge più belle

Per questo viaggio dedicato al mare non volete sentire ragioni: per voi, esisteranno solo le più belle spiagge di Palermo. Perché volete avete la certezza di vedere dei posti che non dimenticherete tanto facilmente e che vi regaleranno i ricordi più belli della vacanza.

Da questo punto di vista, i posti che non dovete perdere sono questi otto:

  • Spiaggia di Mondello;
  • Spiaggia di Addaura;
  • Spiaggia di capo Rama;
  • Spiaggia Magaggiari;
  • Spiaggia di capo Gallo;
  • Isola delle Femmine;
  • San Vito lo Capo;
  • Spiaggia di Cefalù.

 

Spiagge attrezzate

Le spiagge attrezzate di Palermo sono diverse: si tratta di mete a pochissima distanza dal centro dalla città e fornite di tutti i servizi che si possano desiderare su un litorale. Di queste le principali sono sicuramente le due che si contendono la palma di spiaggia preferita dai palermitani: stiamo parlando della spiaggia di Mondello e della spiaggia di Addaura.

Queste spiagge, sono caldamente consigliate se state trascorrendo una vacanza a Palermo con i bambini, una città che ha davvero tanto da offrire a chi sta trascorrendo una vacanza con i più piccoli.

 

Spiagge dei dintorni

Tre golfi, si è detto. Dopo aver parlato di Palermo, è la volta dei golfi di Carini e di Termini Imerese.

  • Carini. La zona compresa tra il golfo di Castellammare e il golfo di Carini (a nordovest di Palermo) è caratterizzata da una costa bassa e sabbiosa. Solo dopo Balestrare, in prossimità di Terrasini, la costa si presenta a tratti frastagliata, affiorano delle formazioni calcaree che assumono un particolare colore rosso (Calarossa) e sono presenti diverse grotte e insenature. In quest’area, le più rinomate località balneari con le relative spiagge sono Balestrate, Capaci, Carini, Cinisi, Isola delle Femmine, Terrasini, Trappeto, tutte spiagge libere e attrezzate.
  • Termini Imerese. Ci si sposta nel golfo a nordest di Palermo. Questa parte di costa è dominata dalla mole del monte Catalfano e della sua riserva naturale. E, infatti, il litorale presenta un aspetto aspro, selvaggio, con le pendici del monte che arrivano fino al mare, e con la macchia mediterranea che cresce rigogliosa. Solo nella zona di Cefalù si aprono delle piccole baie che svelano spiagge di sabbia o di ciottoli. Per il resto, questa zona è composta prevalentemente da scogliere. E le mete turistiche principali sono Altavilla Milicia, Casteldaccia, Ficarazzi, Santa Flavia, Termini Imerese, Trabia, Campofelice di Roccella, Cefalù, Lascari.

 

Queste le diverse possibilità offerte dalla città di Palermo per tutti gli amanti del mare e delle spiagge. Avete scelto la vostra meta? Allora non vi resta che prenotare il viaggio in traghetto.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/38508395@N08

Articoli correlati