U Liotru: l’elefante simbolo di Catania tra storia e leggende

Elefante CataniaSe ne sente parlare semplicemente come “l’elefante di Catania”. Un appellativo che stupisce, in quanto non si collega la città etnea a un animale tipico dell’Africa. E Invece tra Catania e la sua celebre Fontana dell’Elefante esiste un legame molto stretto. Basti pensare che u Liotru, come lo chiamano i catanesi, dal 1239 è ufficialmente il simbolo della città. La Fontana dell’Elefante campeggia al centro di Piazza Duomo (una delle tappe della Catania barocca), il vero cuore della città etnea. Ed è composta dalla statua di un elefante sormontata da un obelisco di pietra, il tutto posto su un basamento di marmo bianco situato al centro della vasca, anch’essa realizzata in marmo. Obelisco e statua dell’elefante che hanno due storie diverse. Il primo si pensa che fu portato a Catania da Syene, durante le crociate. U Liotru invece fu probabilmente realizzato durante la dominazione cartaginese o bizantina. Dopo essere stati collocati in diversi luoghi, dopo il terremoto del 1693 Vaccarini cominciò a realizzare quello che è uno dei monumenti più famosi della Sicilia. E alla storia si affianca anche la leggenda. A cominciare dal nome. U Liotru è la storpiatura del nome Eliodoro. Questi era un nobile catanese che desiderava diventare vescovo ma, caduto in disgrazia, fu accusato di essere un negromante e un fabbro di idoli, tanto da essere bruciato vivo nel Forum Achelles. Secondo la leggenda fu Eliodoro a creare u Liotru, e sembra che addirittura lo cavalcasse per spostarsi da Catania a Cartagine. Non esistono nemmeno dati certi su chi e quando abbia realizzato u Liotru. E anche da questo punto di vista le interpretazioni non mancano di certo: monumento in ricordo di una guerra tra cartaginesi e libici, idolo di una religione di cui si sono perse le tracce, statua dotata di poteri magici e capace di proteggere la città dalle eruzioni dell’Etna. Qualunque possa essere l’interpretazione, la Fontana dell’Elefante resta una delle tappe immancabili di qualunque itinerario per vedere Catania in un giorno. Di sera probabilmente u Liotru dà il meglio di sé. Chi invece visitasse Piazza Duomo durante il giorno potrebbe anche approfittarne per sorseggiare qualcosa nei vicini chioschi di Catania, o per fermarsi in uno dei ristoranti e assaggiare i piatti tipici di Catania.   Fonte immagine: Flickr.com/photos/robnunn

Articoli correlati