Il bosco di Santo Pietro: una delle escursioni da fare a Catania

escursioni Catania: il bosco di Santo Pietro

La Sicilia non smette mai di stupire. E regala sempre posti nuovi, particolari, per certi versi sorprendenti. Sicuramente da vedere. Come il bosco di Santo Pietro, nell’omonima località a poca distanza da Caltagirone. Una delle escursioni da fare se state trascorrendo qualche giorno di vacanza a Catania.

La Riserva naturale orientata Bosco di Santo Pietro si estende per una superficie di circa 6.500 ettari. Ed è uno straordinario tesoro naturalistico, tanto per la sua flora (nell’area del bosco sono riconoscibili tre habitat principali, ovvero la sughereta, la lecceta e la gariga) quanto per la sua fauna (durante le passeggiate è possibile ammirare, tra le tante specie, istrici, donnole, volpi, gatti selvatici, ghiandaie, gheppi, picchi).

Grazie al clima mite della Sicilia, il bosco può essere visitato durante tutto l’anno. Ma i periodi migliori sono essenzialmente due:

  • la primavera, quando il bosco si anima dei colori della fioritura
  • l’autunno, quando il bosco assume le sfumature tipiche di questa stagione

Senza dimenticare quelli che vengono considerati i due posti più belli della riserva: si tratta delle vallette dette fontana del Cacciatore e della Molara.

Come già detto, il bosco di Santo Pietro si trova nei pressi dell’omonimo centro abitato di Santo Pietro, a circa venti chilometri da Caltagirone. Per arrivare da Catania:

  • prendete la strada statale 417 e seguite le indicazioni per Caltagirone
  • da Caltagirone, prendete la strada provinciale 62 fino a Santo Pietro
  • una volta arrivati a Santo Pietro, chiedete indicazioni per l’ingresso del bosco

Il viaggio in auto dura circa un’ora e mezza.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/kanzir