Una passeggiata lungo la falce di Messina: il forte San Salvatore

Forte San Salvatore MessinaGià il luogo dove sorge è particolarmente suggestivo. Inoltre si tratta di una attrazione di carattere storico-culturale tutta da vedere. Ed è anche (se non soprattutto) un’ottima idea per una passeggiata in questa città. Stiamo parlando di forte San Salvatore, un’altra tappa del vostro itinerario con cosa vedere a Messina.

Cominciamo dalla “location”. Forte San Salvatore infatti sorge in una delle zone più belle di Messina. Avete presente la cosiddetta falce, ovvero un lembo di terra dalla forma particolare che letteralmente chiude il porto di Messina? Ebbene forte San Salvatore sorge proprio all’estremità di tale falce. In altre parole dal forte si può godere di una splendida vista, e sembra quasi che la fortificazione si protenda nel mare.

Alcuni ritrovamenti fanno pensare che questa zona fosse abitata già nell’VIII secolo a.C. Il forte deve il suo nome alla struttura originaria che era sorta sulla punta della falce, ovvero il monastero dedicato al Santissimo Salvatore. Monastero fondato nel 1086 e che ben presto attirò diversi monaci dediti allo studio di testi classici, testi musicali e di testi sacri. Dell’intero complesso facevano anche parte una chiesetta che doveva essere decorata con ricchi mosaici, e la torre di Sant’Anna.

Il forte vero e proprio fu poi costruito nel 1546. Il primo passo verso la fortificazione dell’intera zona del porto della città di Messina. La costruzione inglobò anche la chiesa (andata poi distrutta nello scoppio della polveriera del 1949) e la torre di Sant’Anna.

Forte San Salvatore ebbe sempre un ruolo di primo piano nella storia della città di Messina. Fino ad arrivare al 1934, anno in cui sulla punta più estrema del forte (e quindi della falce) fu eretta la stele della Madonna del Porto, uno dei monumenti simbolo di Messina.

Come già detto il forte San Salvatore è una delle tante cose da vedere durante un viaggio a Messina. Inclusa nell’itinerario della vostra vacanza? Allora adesso non vi resta che prenotare il traghetto.

 

Fonte immagine: wikimedia.org

Articoli correlati