Favignana: i 5 migliori punti per fare immersioni

immersioni Favignana

Cosa cercano tutti i diver? Condizioni climatiche ideali, mare limpido, fondali incontaminati e ricchi di vita. Anche voi state cercando un posto con queste caratteristiche? Allora le immersioni a Favignana faranno la vostra gioia (e quella di tutti gli altri diver): qui di seguito trovate i cinque punti migliori dove potervi immergere nelle acque delle isole Egadi.

 

Punti di immersione

  1. Isola Galeotta. Si tratta di un piccolo isolotto poco al largo di Favignana, ed è anche uno dei punti per immersioni più facili da raggiungere. Nelle sue acque il diver vi troverà una grande varietà di vita e colori. Tra gli “incontri” più frequenti ci sono banchi di saraghi e salpe, polpi e murene.
  2. Cala Rotonda. Una delle più belle spiagge di Favignana, questa immersione comincia già a essere più impegnativa. Si svolge all’interno di una grotta sottomarina lunga circa trenta metri e posta a otto metri di profondità. La grotta sbuca in una pozza nella scogliera della cala. E la sua volta è ricoperta di ombrine, corvine, granchi e murene.
  3. Secca del Toro. Tra molto degli appassionati, è considerata l’immersione più bella di Favignana, ma è anche appannaggio dei diver più esperti o almeno di medio livello. La secca del Toro è una parete che affonda nel mare per quaranta metri. Scendendo metro dopo metro, s’incontra una gran varietà di vita sottomarina: gorgonie gialle e rosse, margherite di mare e spirografi, aragoste, astici e, abbastanza spesso, anche barracuda. A causa delle correnti è consigliabile effettuare l’immersione con un sub che la conosca bene.
  4. Scoglio Corrente. Altra piccola isoletta poco distante da Favignana. Durante l’immersione bisogna prestare molta attenzione alle correnti molto forti, da cui il nome dello scoglio. Ma proprio grazie a tali correnti lo scoglio Corrente può essere il punto di passaggio di grossi pesci in caccia. Immersione comunque indicata per i diver più esperti.
  5. Cala Rossa e punta Marsala. Abbiamo tenuto l’immersione “storica” per ultima. Tra questi due punti, ci sono circa cinquanta metri di fondali sabbiosi che arrivano a una profondità di 12 metri circa. E in questa zona affiorano antichi resti punici e romani.

 

Come arrivare

Le immersioni a Favignana riusciranno ad accontentare e sorprendere anche il diver più navigato. E per raggiungere questa isola delle Egadi basta prenotare il proprio posto su uno dei traghetti per la Sicilia. Traghetti che partono, principalmente, da Trapani e da Marsala, che si trovano lungo la costa orientale della Sicilia.

 

Cosa vedere

A farvi scegliere quest’isola è stata la vostra passione per le immersioni. Ma non “limitatevi” a esplorare ciò che si trova in profondità: le cose da vedere a Favignana sono davvero tante. A cominciare dalle sue splendide spiagge, ottime per qualche ora di relax. E continuando con suggestivi posti come la Grotta degli innamorati e il castello di Santa Caterina.

 

Imbarcare un’auto

Avere un proprio veicolo a disposizione è sempre una grande comodità per i diver, che così possono portare tutta l’attrezzatura necessaria. Però, a seconda del periodo dell’anno, potrebbero esserci delle limitazioni per portare l’auto su Favignana: per maggiori informazioni, consultate sempre il sito ufficiale del comune di Favignana, Comune.favignana.tp.gov.it.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/27683973@N08

Articoli correlati