Cosa vedere durante una vacanza a San Vito lo Capo: tra spiagge e storia

San Vito lo Capo cosa vedere

Cosa c’è da vedere a San Vito lo Capo? Se anche voi vi state ponendo questa domanda, significa che sarà la meta della vostra prossima vacanza e che sarà la vostra prima volta in questa splendida località sulla costa nordovest della Sicilia. Sappiate che si tratta di un’ottima scelta. Specialmente se seguirete questi tre itinerari turistici.

 

#1: il centro abitato

Questa vacanza comincia, come è giusto che sia, dal centro abitato vero e proprio. San Vito lo Capo è un piccolo paese caratteristico per il colore bianco delle sue abitazioni e per il mare da favola. Le tappe di questo primo itinerario sono:

  • Il santuario-fortezza di San Vito lo Capo. Si trova in via Savoia. È una costruzione austera e imponente: 104 metri di base, 16 metri di altezza e mura che arrivano fino a uno spessore di due metri e mezzo. Risalente al Trecento, in origine era una cappella dedicata a San Vito martire, patrono del borgo marinaro.
  • Il faro. Uno dei simboli di San Vito lo Capo. Composto da un faro principale e da un fanale, è uno dei più importanti della Sicilia. E come ogni faro che si rispetti, regala un panorama molto romantico, specialmente di sera.
  • Cappella di Santa Crescenzia. È una piccola costruzione costruita nel XVI secolo in onore della nutrice di San Vito.
  • Via Venza. Negli ultimi anni, è diventata uno dei luoghi da visitare di San Vito lo Capo: è un insieme di piante rampicanti, murales e abbeveratoi in pietra trasformati in fioriere. In estate, qui si tengono sempre molti eventi.
  • Il Museo del mare. Non poteva mancare un tributo di questo genere: nel museo sono conservati cimeli e antichi reperti recuperati dai fondali di San Vito lo Capo.

 

#2: le spiagge

Si tratta di uno dei motivi principali a portare ogni anno centinaia di turisti a scegliere questa località. La principale è la spiaggia di San Vito lo Capo: è di sabbia, molto grande, adatta sia per una vacanza con i bambini sia per chi cerca solo mare e tanto relax.

Altre spiagge da non perdere nelle vicinanze:

  • Santa Margherita, una piccola spiaggia di sabbia rossa e dall’aspetto selvaggio.
  • Isola delle Femmine, in provincia di Palermo e facilmente raggiungibile.
  • Tonnara dell’Uzzo con le sue due spiaggette di ciottoli.
  • Cala Capreria, consigliata soprattutto per gli appassionati di snorkeling.

 

#3: i dintorni

  • La Riserva naturale dello Zingaro. Sette chilometri di costa frastagliata, un susseguirsi di grotte, baie e scogli sempre cinti dal mare e dalla palma nana, vero simbolo della riserva naturale.
  • Tonnara del Secco. La pesca del tonno si è fermata da anni ma questo resta un luogo molto suggestivo.
  • Erice e Segesta. Due dei posti più belli della Sicilia. Erice è un borgo medievale costruito interamente in pietra. Segesta è un’antica città fondata dal popolo degli Elimi.

 

Come arrivare

San Vito lo Capo si trova in provincia di Trapani. E potrebbe essere un’ottima idea (anche) per un’escursione da Palermo. Per arrivare dal capoluogo siciliano, basta prendere la strada statale 187 in direzione Golfo di Castellammare e seguire le indicazioni per San Vito lo Capo.

 

Fonte immagine: Di Roberto Fontana from Mantova, Italia – San Vito Lo Capo, CC BY 2.0

Articoli correlati