Alla scoperta della Sicilia Occidentale partendo da Termini Imerese

La Sicilia Occidentale è una terra piena di fascino, il luogo d’incontro di differenti culture, un crocevia nel cuore del Mediterraneo. Esplorando questa località potrai ammirare paesaggi naturali stupefacenti, scoprire pagine uniche della storia della Sicilia e assaggiare rinomatissime specialità gastronomiche. Approfondiamo il tema delineando un itinerario alla scoperta della Sicilia Occidentale partendo da Termini Imerese.

Alla scoperta della Sicilia Occidentale partendo da Termini Imerese:

 

1. Termini Imerese

Termini Imerese, con il suo celebre porto, rientra formalmente nell’area della città metropolitana di Palermo. Bagnata dal Mar Tirreno, è stata fondata su una vera e propria fortificazione naturale. I primi insediamenti rinvenuti in questa località risalgono alla preistoria. Termini Imerese si trova alle pendici del Monte San Calogero, in una posizione strategica, ideale per lo sviluppo dei commerci. Visitando la città non si può non fare tappa al Duomo di San Nicola di Bari, il luogo di culto più importante della città, edificato nel XV secolo. Al suo interno si trovano diverse opere di pregio. Un altro edificio di culto molto interessante è la Chiesa di Maria Santissima Annunziata. Questa si distingue per la sua cupola decorata da maioliche azzurre e per un grande portale. Un altro luogo d’interesse è la Biblioteca Liciniana, dove sono conservati più di 100.000 volumi, di cui molti di pregio. Da non perdere nemmeno una visita al Museo Civico, ospitato nell’ex ospedale dei Fatebenefratelli. Qui si trovano diversi reperti rinvenuti in tutto il circondario. A Termini Imerese troverete anche uno degli acquedotti meglio conservati di tutta la Sicilia, i resti di un’antica stazione termale romana e dell’antica polis greca di Himera.

 

 

2. Palermo

Palermo è il capoluogo dell’Isola, l’antica capitale del Regno di Sicilia. Crocevia di diverse culture, è una città ricchissima di fascino e di cultura. Passeggiando nel centro cittadino è possibile ammirare edifici straordinari e opere d’arte dal valore incommensurabile. Si può partire dal Teatro Massimo, il più grande teatro lirico d’Italia. Si può quindi proseguire imboccando Corso Vittorio Emanuele fino al crocevia dei Quattro Canti, uno dei luoghi più iconici di Palermo. Proseguendo si arriva quindi a Piazza Pretoria, che con la fontana e le sue statue è conosciuta come una delle piazze più belle d’Italia (detta anche popolarmente “piazza delle vergogne” per via della nudità delle sue statue). Visita la splendida chiesa della Martorana, vero gioiello barocco. Ammira la Basilica di San Cataldo, uno dei simboli dell’influenza islamica sull’architettura siciliana. Per fare una pausa e rifocillarti, addentrati nel mercato della Vucciria. Scopri le specialità dello street food palermitano: pane e panelle, arancine, cannoli e pani câ meusa.

 

3. Trapani

Trapani è situata sulla punta più estrema della Sicilia occidentale. La posizione del suo porto è stata molto favorevole per lo sviluppo dei commerci e delle attività manifatturiere che si sono sviluppate in loco durante i secoli. La città di mare è nota per le sue chiese barocche, per i suoi colori brillanti e per le sue belle spiagge. Uno dei luoghi più caratteristici della zona sono le Saline di Trapani e Paceco. Con la loro attività millenaria, rappresentano una risorsa unica per l’economia della regione, e non solo. Intorno alle saline si è sviluppato un ecosistema particolarissimo, dove è possibile ammirare animali particolarissimi come i fenicotteri rosa. Visitare le saline al tramonto, ammirando il contrasto tra il colore del cielo, del mare e del sale, regala emozioni uniche. Nell’estremità più occidentale di Trapani si trova la Torre di Ligny, costruita nel XVII secolo. Da qui è possibile avere una splendida vista sulle Isole Egadi. Non perderti una visita alla Chiesa del Purgatorio. Qui sono conservate le antiche sculture in legno che vengono portate annualmente in sfilata con la Processione dei Misteri di Pasqua.

Trapani

 

 

4. Marsala

Marsala è una città antichissima, la cui fondazione risale addirittura all’età fenicia. Questo centro è noto anche per lo storico sbarco di Garibaldi e dei Mille, avvenuto l’11 maggio del 1860. Il suo nome è associato anche al celeberrimo vino liquoroso omonimo, specialità apprezzata in tutto il mondo. Anche il centro storico di Marsala si caratterizza per uno stile marcatamente barocco. Visita il Duomo, il Mercato Centrale, il Museo degli Arazzi e il Complesso monumentale di San Pietro. Nel cuore del centro storico si trova anche il Parco Archeologico di Lilibeo, un scavo archeologico che ha riportato alla luce i resti di un’antica città punica. Non perderti una visita alle Cantine Storiche che producono il Marsala, sono più di 30. Oltre a scoprire di più sulla produzione di questo pregiato vino, potrai dedicarti a diverse degustazioni. Nei pressi di Marsala si trovano anche le isole dello Stagnone, la laguna più vasta della Sicilia. Queste isole sono l’isola di San Pantaleo (Mozia), l’Isola Grande, Schola e Santa Maria. Queste isole, molto suggestive, fanno parte della Riserva naturale orientata “Isole dello Stagnone di Marsala“.

Marsala

 

 

5. Agrigento

Anche Agrigento è una città ricchissima di storia. Fondata dai greci con il nome di Akràgas è stata poi chiamata dai latini Agrigentum, per diventare poi Gergent e Girgenti. Uno dei simboli della storia di questa città è sicuramente la Valle dei Templi, uno dei siti archeologici più suggestivi al mondo. Patrimonio UNESCO dal 1997, il Parco Archeologico Valle dei Templi conserva tracce storiche straordinarie, come le architetture in stile dorico del Tempio di Giunone e del Tempio della Concordia. Scopri il Giardino della Kolymbethra e lasciati inebriare dai profumi della macchia mediterranea. Il biglietto del Parco Archeologico compre anche l’ingresso al Museo archeologico Pietro Griffo, non mancare di visitarlo. Inoltre, la città di Agrigento ogni anno ospita diversi eventi internazionali, tra cui la “Festa del mandorlo in fiore“, una delle più antiche della Sicilia. Nell’ambito di questo festival si organizzano diversi appuntamenti legati alla promozione e alla valorizzazione delle tradizioni etniche di popoli differenti. Il programma prevede anche molti spettacoli, sfilate e concerti di gruppi folcloristici della tradizione siciliana.

Agrigento

 

Photo Credits:
Foto di Bjs per Wikimedia

Articoli correlati

5 Gennaio 2024

Cosa Fare

Sicilia in inverno, quale zona visitare?

7 Agosto 2023

Cosa Fare

Ferragosto in Sicilia: eventi e folklore

12 Settembre 2022

Cosa Fare

Sicilia in moto: il tour della Fiumara d’Arte

Prenota il traghetto per la Sicilia al miglior prezzo su TraghettiPer

Metodi di pagamento
Certificazioni