Le farmacie storiche di Sicilia: antiche botteghe della salute fra passato e presente

La storia di Sicilia non è da scovarsi solo nei musei, nelle chiese e nei suoi siti archeologici. Fra le vie delle città, là dove non vi aspettereste mai, ci sono delle farmacie che un tempo furono vere e proprie botteghe della salute in cui scienza e magia spesso si mescolavano. Si sentiva l’odore delle piante e  delle preparazioni galeniche, il suono dello sfogliare di ricette antiche tramandate di generazione in generazione. Se oggi molte di quelle conoscenze sono diventate obsolete, queste farmacie non hanno conservato egregiamente loro tipicità e custodiscono ancora oggi un passato affascinante.

Le antiche farmacie siciliane sono quattro, ognuna con la sua storia e le sue particolarità.

 

Le farmacie storiche di Sicilia, antiche botteghe fra passato e presente:

 

La Farmacia Teresi

Nata nel 1852, la Farmacia Teresi si trova in pieno centro storico a Palermo, in via Maqueda 13. È forse la farmacia più antica della città, di proprietà degli ex monaci Rizzuto e prolungamento del laboratorio scientifico del convento di Sant’Antonio da Padova. Già entrando si ha la sensazione di essere catapultati in un passato remoto: gli arredi antichi, restaurati dalla famiglia Teresi che acquistò la bottega nel 1894, lasciano immaginare facilmente la fila di boccette e ampolle contenenti misteriose preparazioni o vasi di piante medicamentose conosciute dagli speziali dietro i banconi in legno.

 

La Farmacia Cirincione

La Farmacia Cirincione si trova in corso Ruggero 144, a Cefalù, ed è aperta sin dal 1820 senza mai aver cambiato sede. Donna Maria Teresa Longo è stata la prima fondatrice dell’antica farmacia, esuccessivamente sarà proprio la generazione del ramo Cirincione a proseguire la tradizione. La caratteristica di questa bottega è il suo arredo tardo settecentesco in stile veneziano, bianco ed elegante, che regala uno spazio ampio e luminosissimo. Negli anni ’60 la famiglia Cirincione ha condotto un’opera di restauro sull’antico mobilio, facendo tornare allo splendore di un tempo i suoi fregi laccati in oro e le pitture delle splendide figure femminili disseminate per la bottega.

 

L’Antica Farmacia Cartia

Gli appassionati de “Il Commissario Montalbano” conosceranno di certo l’Antica Farmacia Cartia citata nei romanzi di Camilleri e scelta come set della celebre serie televisiva. Si trova a Scicli, in via Francesco Mormino Penna 24, ed è stata fondata nel 1902 da Guglielmo Cartia che le ha dato il nome. Dal 1985 si trova nei bassi di palazzo Spadaro, ma la prima bottega aveva la sua sede al piano terra del Palazzo Porcelli – Battaglia Veneziano – Sgarlata. Oggi questa bottega, oltre a conservare il suo aspetto, è un vero e proprio museo ed è gestita dall’associazione culturale Tanit Scicli. Conserva ancora l’oggettistica tipica con i suoi bilancini, le sue boccette e tutta la strumentazione dei vecchi speziali di una volta. Si può ammirare il magnifico arredo novecentesco originale di Emanuele Russino e il dipinto della dea della salute greco-romana della salute, Igea, realizzato da Giovanni Gentile.

 

L’Antica Farmacia di Roccavaldina

A Messina, a Roccavaldina, c’è un piccolo tempio della ceramica: si trova nell’Antica Farmacia di Roccavaldina, in via Umberto I, ed è risalente XVI secolo. Entrando nell’antica bottega medievale si viene accolti da ben 238 vasi di diverse forme in fila sugli scaffali lungo tutte le pareti, realizzati nel 1580 nell’officina di Antonio Patanazzi a Urbino. Questa perla della tradizione ceramista italiana appartiene comune di Roccavaldina dopo essere stata amministrata dalla Confraternita del SS. Sacramento fino al 1882. Oggi è il Museo Farmacia Cinquecentesca, in cui è possibile ammirare brocche e ampolle decorati con soggetti e con colorazioni variegati. Da raffigurazioni mitologiche a scene bibliche, da fiori e piante a soggetti umani maschili o femminili, fino a libri, armi, strumenti musicali, animali.

Se state progettando un viaggio in Sicilia non perdete la possibilità di visitare le sue splendide farmacie storiche. Prenotate la vostra nave attraverso il nostro sistema di comparazione online di traghetti e consultate gli orari disponibili per le principali destinazioni dell’isola.

 

Photo Credits
Foto di Pieromarchetta da Wikimedia

Articoli correlati

9 Maggio 2024

Posti da Visitare

Tour di 5 giorni in Sicilia sud orientale: ecco cosa fare

25 Marzo 2024

Posti da Visitare

Weekend di primavera a Enna “l’ombelico della Sicilia”: cosa fare e vedere

11 Marzo 2024

Posti da Visitare

Vacanza benessere in Sicilia: le terme di Segesta

Prenota il traghetto per la Sicilia al miglior prezzo su TraghettiPer

Metodi di pagamento
Certificazioni